sabato 14 marzo 2015

Recensione: AMO TE... starò con lei per sempre.

E dopo tanto tempo, forse troppo, torno a fare recensioni. E per ripartire alla grande voglio parlare di un romanzo, che non ho adorato, qualcosa di più!!!! Parlo di "AMO TE... starò con lei per sempre di Camilla Ghedini e Brunella Benea.
Da dove comincio???? Allora, intanto vi mostro la cover, e poi... parto con la mia lungaaaaaaaa recensione, perché su questo romanzo ho moltissimo da dire, e molti pezzi da farvi sbirciare! Non fuggite!



  • Formato: Formato Kindle
  • Lunghezza stampa: 154
  • Editore: Giraldi Editore (17 luglio 2014)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00LVCM41O

«A chi in fondo non è capitato di tradire o essere tradita? Di essere o avere l’amante?», si chiedono le autrici nella premessa. La risposta è semplice: «Può capitare. E certe volte, va bene così». Da qui prendono forma le storie di queste donne divertenti, imbranate ma comunque di successo, che si trovano a vivere quello che comunemente è ritenuto un amore sbagliato, perché al di fuori della “legalità” della famiglia classica, concepita come monogama, felice, indistruttibile e possibilmente con figli. Un viaggio ironico e spassoso nella figura per eccellenza più “in ombra” e nascosta nei secoli: l’Amante – in realtà sia donna che uomo – al di là dei tabù e dei luoghi comuni, si districa tra famiglie altrui, figli altrui, spazi nascosti, tempi risicati, ma rivendica con tanto senso dell’umorismo un posto nel mondo, e una dignità, tanto da voler istituire una Giornata Nazionale dell’Amante…

«Ora, vi chiedo un atto di coraggio. Istituiamo la Giornata dell’Amante! Rendiamo merito alle amanti di esistere, di tenere in piedi i matrimoni, di fare girare l’economia».


Per acquistarlo, clicca Qui

Allora, vediamo di cominciare questa benedetta recensione. Ah piccola premessa, passate eventuali paroloni pesanti (Parolacce) a volte ci stanno bene in certi argomenti!

"Nessuno osi separare ciò che Dio ha unito".
Una domanda: vale anche quando l'unione è basata sulla menzogna?

Ecco, partiamo da qui...
Florida e Anita, sono due ragazze che si rincontrano dopo molti anni e che riprendono, o almeno ci provano, l'amicizia da dove l'avevano lasciata, riscoprendosi e raccontadosi, inzialmente un po' a metà, visto gli anni passati separate, ci vorrà tempo prima di riuscire ad aprire i loro cuori e a confessare cosa hanno combinato. Iniziano con lo scambiarsi delle mail. 

Da: florinda74@gmail.com 
Oggetto: Presentazione 

FLORINDA. Mi chiamo Florinda, ho circa quarant'anni e per molto tempo ho fatto l'amante. No, non è una professione, anche se richiede tempo, energia e dedizione. E non era neppure un'ambizione. Anche se poi ho fatto di tutto per tenere accanto a me l'uomo che, il mio ruolo suggerisce, "amavo".

Da: anita74@alice.it
Oggetto: Presentazione

ANITA. Il mio nome è Anita, ho circa quarant'anni, vivo da sola, non ho paura dei ricordi. Lui è lo spaccato dell'uomo per bene, sempre sorridente e gentile, in altre parole l'iconografia del traditore seriale.


Tutto riparte così tra loro. E piano piano, tra sorrisi e molte riflessioni, ti ritrovi catapultato in questo bellissimo romanzo e più leggi, e più ti ci trovi dentro fino al collo.
Quante Florinda e Anita ci sono nella realtà? Quante amanti, incontriamo ogni giorno? Quanti cuori infranti e calpestati incontriamo per colpa di uomini che non riescono ad essere fedeli alle proprie mogli o compagne. 
Fidatevi, troppe donne ci girano intorno come loro.
Sono donne normali, donne che a mano con tutte se stesse, per ritrovarsi poi con che cosa? Con un uomo semi accanto che non fa altro che riempirle di menzogne, di false promesse e false speranze. Passano gli anni, e ti ritrovi con una vita sprecata dietro a uomini che mai e poi mai lasceranno la propria moglie!

Questo romanzo fa riflettere. Cazzo se lo fa!!!!
Ti apre gli occhi e ti fa capire una cosa, tu donna amante, corri davanti a uno specchio, guardati bene e ripeti ad alta voce: CHE CAZZO STO FACENDO? MI STO ROVINANDO IL FEGATO, STO BUTTANDO NEL CESSO LA MIA VITA  PER CHI? PER UN COGLIONE?

Ecco, dopo averlo fatto, prendi il telefono, blocca il tizio, cancella il suo numero, cambia numero, fai quello che vuoi. Ma datte na svejata eh! 
Poi, siediti, e leggi AMO TE...starò con lei per sempre ... e sai cosa capirai leggendolo???? Che sono tuttiiiii e dicooooo tutti, uguali, che agiscono tutti e ripeto tuttiiiii allo stesso modo!!!!! Leggi il libro, e confronta la storia con quella che stai vivendo tu...Ecco ora è più chiaro?????

Un uomo sposato non è altro che, in primis, un uomo che non lascerebbe mai sua moglie per te, per svariati motivi che leggerai anche nel libro, e poi perché prima di te c'era già un'altra amante, insieme a te, c'è sempre un'altra amante e dopo di te, ci sarà ancora un'altra cazzutissima amante. Perché lui è fatto così, lui non ama, lui vuole solo una cosa... E la moglie dei farabutti???? Ne vogliamo parlare??? La moglie magari sa tutto dei tradimenti del marito, ma resta comunque con lui...amor proprio = 0...!!!!! Dovrebbero leggerlo anche le mogli 'sto benedetto libro! Anche voi mogli, dico a voi sì, aprite gli occhi, perché accanto avete un uomo che non fa altro che finire tra le gambine di un'altra donna, e pensate che vi ami???? Ohhhh nooooo!!!! Se vi amasse davvero, il barracuda lo lascerebbe nei loro boxer!!!! Detto ciò, io ho amato questo libro, dalla prima all'ultima pagina, e lo rileggerei altre mille volte. Scritto bene, divertente, riflessivo. Insomma in altre parole, UNICO!!!!!! 

LE AUTRICI: 
Camilla Ghedini (1973) è giornalista professionista. Esercita in libera professione nel campo della comunicazione/informazione convenzionale (www.ufficiostampacomunicazione.com) e integrata (www.poliscomunicazione.it); collabora con «Il Resto del Carlino», redazione Bologna (Cultura e Spettacoli) e Ferrara, oltre che con «Noi Donne», mensile di politica, cultura, attualità, su cui ha una sua rubrica, Versione Santippe. Tra le tante pubblicazioni si ricordano: Una famiglia lunga un secolo (Este Edition, 2006); Io cattiva? No, io precaria. Manuale del lavoratore flessibile (Edimond, 2007); Giustificazioni di un marpione perbene (Editori Riuniti, 2008); Bondeno. Racconti Artigiani (Este Edition, 2011); Città del Ragazzo. Voci e sguardi in cammino (Este Edition, 2014).
Brunella Benea (1962), consulente esterna per l’impresa in associazioni di categoria, è stata dal 2001 al 2009 assessore alle Pari Opportunità, alla Sicurezza, allo Sport, all’Ambiente del Comune di Bondeno, in provincia di Ferrara. Negli stessi anni, è stata consigliere a Ferrara capoluogo. E successivamente, ancora, a Bondeno. Ha una vocazione artistica, frutto dei suoi studi, che manifesta nella realizzazione di componenti di arredo.


IL MIO VOTO FINALE:


Nessun commento:

SCONTRO DA'MORE