lunedì 24 settembre 2012

Recensione del romanzo "Libero arbitrio" di Caterina Armentano

"Libero arbitrio" di Caterina Armentano edito dalla 0111 Edizioni, narra la storia di un gruppo di donne, che vivono nello stesso condominio, in un paese della Calabria.
La storia è narrata da una delle protagoniste di questo romanzo Rebecca che man mano, racconta le storie di ognuna di esse.
C'è Ester, la sua migliore amica che soffre per non riuscire ad avere un figlio da suo marito Fabio, c'è Cosima, sorella di Ester, che ha grossi problemi con il marito che la maltratta, convinta che meritasse tutto ciò lo lasciava fare. c'è Marianna che è insoddisfatta della vita che ha, Miriam che ha mille sogni da realizzare, e infine Raffaella che pur di trovare inciampa in moltissimi errori.
Il romanzo mi ha colpita sin dall'inizio perché la narrazione è ricca e spontanea, mi ha colpito molto il modo in cui l'autrice
descrive ogni singola cosa, dal carattere delle persone ai luoghi.
L'autrice, affronta delle tematiche molto importanti in questo romanzo, il maltrattamento fra le mura domestiche, l'aborto, l'impotenza, e il difficile percorso che affronta Rebecca nel non riuscire a portare avanti una gravidanza.
Un romanzo toccante ed emozionante che a tratti è riuscito a farmi venire la pelle d'oca, mi sono immaginata la scena in cui Ester accompagnava la sua amica Gianna, che decise di interrompere una gravidanza indesiderata e ho pensato quanto fosse forte e altruista Ester, che nonostante tutto lei non riuscisse ad avere un figlio da suo marito Fabio, decide comunque di sostenere la sua amica, a mio avviso io non ce l'avrei mai fatta, non riuscirei a veder buttare via una vita così senza tanti scrupoli, mentre magari io sogno con tutta me stessa quel figlio.
I personaggi hanno tutti delle caratteristiche caratteriali ben descritte, quella a cui sono riuscita a immedesimarmi di più era Rebecca, perché ha un legame molto forte con le sue amiche, soprattutto con Ester, e come me è sempre pronta a dar consigli e a volte a essere un po' brusca quando una cosa non le va a genio.
Il romanzo scorre in un modo indescrivibile e a me personalmente è stato difficile staccarmi dalla lettura, perché  era tanta la voglia di sapere quali sarebbero state le sorti delle protagoniste.

Recensione a cura di Antonietta Agostini


Nessun commento:

Cerca per argomento

Adrena Alessandra Paoloni Alessia Cucè Amambile Giusti Angela Castiello Anna De Zuani Anna Maria Mustica Raffaele Anteprime Antonietta Agostini Anya Ross Argeta Brozi Arte Articoli Barbara Bolzan Blog Tour Brunella Benea Butterfly Butterfly Edizioni Camilla Ghedini Candace Bushnell Capitoli Carmen Amoraga Caterina Armentano Cecile Bertod Connie Furnari Cristian Rossi Cristina Costa Damien Lantis Ebook Elena Rose Elisa Liliana Locatelli Emily Pigozzi Estratti Eventi Fabio Volo Fabiola Danese Fabrizio Savelli Federica Leone Filippo Gigante Francesca Napoli Gaetano Barreca Gianmario Viganò Giornata Autore Il Calore dei Libri Giovanna Mazzilli Giveaway I consigli librosi di Anto I miei romanzi Ilaria Goffredo Interviste Irene Pecikar Ivan Caldarese Jessica Maccario La mia piccola Libreria Lara Adrian Laura Bellini Laura Pellegrini Lavinia Brilli Letture settimanali Linda Bertasi Luca Alessi Luca Casamassima Lucrezia Scali Maddie Dowson Manuela Costanzo Marco Iancardona Maria Teresa Steri Mariana Fujerof Marianna Mineo Marilena Barbagallo Marta Savarino Massimiliano Bellezza Mauro Corticelli Michel Manetti Michela Piazza Miriam Peluso Momi Gatto Monica Schianchi Nadia Boccacci Nadia Milone Newton Compton Numeri Rivista Oliviero Angelo Fuina Pamela Boiocchi Paola Di Martino Paola Renelli Pensieri Prossime Letture Pubblicità Puntate Radio Radio Recensioni Regina Pozzati Roberto Baldini Roberto Modolo Romanzi in serie Rossana Lozzio Rossella C. Rossella Martielli Rubriche del blog Rujada Atzori Sabrina Grementieri Scritti da voi Segnalazioni Silvia Giaccioli Silvia Stoyanova Simona Giorgino Stefania Balotelli Stella Ada Rossetti Tanya D'Antoni Teresa Di Gaetano Tiziana Cazziero Tiziana Iaccarino Valentina Papa Vincenzo Monfregola